La testimonianza del Presidente della Federazione Folklorica Serba

img

Cari amici,

nel 1977 ho fatto il mio primo viaggio e la prima tournée all’estero: in Italia, in Sicilia. 
Da allora l’Italia suscita in me emozioni particolari. Nel 1981, su invito del Dott. Alessandro Lillo, in veste di manager avevo organizzato la prima tournée aprendo così la porta che mi ha cambiato la vita.

Da quel momento i miei legami con il folklore, la cultura e gli eventi in Italia sono ininterrotti. Il male che si era abbattuto sul mio Paese durante la guerra, i bombardamenti, le sanzioni, hanno dimostrato il vostro desiderio di pace, di aiuto, il vostro carattere.
Nei momenti difficili, il mio amico Pino Apprendi mi aveva offerto il lavoro e la possibilità di una nuova vita per me e per i miei familiari. Inoltre, colgo l’occasione per ringraziarvi di aver accolto il mio appello di organizzare durante i bombardamenti in Serbia, ciascuno nella propria città, una marcia contro ogni forma di aggressione.

Era impressionante il numero dei gruppi folkloristici italiani i quali hanno compreso l’importanza di pace, tolleranza, solidarietà e umanitarismo. Avevate dimostrato un'altra volta la nobiltà d’animo perché la finalità superava l’appartenenza a una  federazione o associazione. Il massimo sostegno logistico mi era offerto da Franco Megna insieme ad altre persone eccellenti quali Alessandro Lillo, Benito Ripoli,Gerardo Bonifati, Nino Agostino, Marco Mignotti, Francesco Mallozzi e altri ancora. 

Personalmente vedo il mondo del folklore come una grande famiglia, a prescindere dalle appartenenze. Sono certo che nessuno ritiene che sia un obbligo  aiutare ma anzi, lo sente come un desiderio di aiutarsi reciprocamente, credendo nei  valori umani. Tutto il mio amore e tutto quello che ha lasciato la propria impronta nel corso di 40 anni vissuti nel mondo del  folklore va all’Italia, a VOI! Il folklore è un insieme delle emozioni, di musica e ballo, ma soprattutto è vita. Credo nelle vostre forze, nella capacità di resistenza e nella dignità che vi distingue da sempre e sono certo che riuscirete a superare tutti i problemi sorti. I miei pensieri vanno a voi e alle vostre famiglie.
Forza Italia!

Best regards.
Vladan Tesanovic-Serbia - Presidente della Federazione Folklorica Serba