I Giochi Popolari

img

Ad un primo sguardo sembra che il colle si tuffi nel mare. Questa è l’impressione che dà Silvi «Paese» appena osservi l’orizzonte. Il panorama lascia una vista mozzafiato; e all’improvviso ci si immerge nel caratteristico centro storico, dove si è svolta 37° edizione dei giochi popolari , nell’ambito dell’ormai noto evento annuale della F.I.T.P. «Italia e Regioni». L’insieme sembra una scenografia costruita apposta per l’occasione. Anche quest’anno sono state numerosi i gruppi provenienti da diverse regioni della penisola che hanno voluto partecipare. Nella competizione sempre animata anche in questa edizione l’Umbria ha trionfato, avvezza ormai a portare a casa l’ambito trofeo. La corsa con i sacchi è stata, come accade di consueto, la prima gara. La vittoria umbra l’ha raggiunta Daniele Valentini che ha corso col suo sacco con abile maestria. La «ciappa», ha visto protagonista la Sardegna che ha vinto con Gianni Marotto. La gara della «lippa» l’ha vinta ancora l’Umbria sempre con Daniele Valentini. L’atteso e coinvolgente tiro alla fune maschile è stato vinto dalle Marche (Luca Moretti, Stefano Lupi, Alessio Ciabattini, Andrea Marinangeli, Gianni Loliva, Paolo Serrabellini), mentre quello femminile dall’Umbria (Elisa Marziali, Veronica Caputi, Laura Bocchini, Ada Frascarelli, Marcella Occasi, Vittoria Profili).

Un intenso e sofferto braccio di ferro femminile ha visto come protagonista la Toscana con Ciocan Liliana, mentre quello maschile è stato ad appannaggio delle Marche con Gianni Loliva. Infine la gara del cerchio è andata alla Campania, con Felice Russo. Spirito sportivo da un lato ed un sano agonismo dall’altro hanno fatto da cornice a questa avvincente edizione dei giuochi popolari.

Sui giochi è stata prodotta una vasta letteratura etnografica che la redazione propone:

E. B. Tylor, The History of Games, in «The Fortnigthly Review», new series vol. 25, (1879), pp. 712-747; Id., On the Game of Patolli in Ancient Mexico and its Probable Asiatic Origin, in «Journal of the Royal Anthropological Institute of Great Britain and Ireland», VIII, (1879), pp. 116-129; Id., Remarks on the Geographical Distribution of Games, in «Journal of the Royal Anthropological Institute of Great Britain and Ireland», XI, (1880), pp. 23-30; Id., On American Lot-Games as Evidence of Asiatic Intercourse before the Time of Columbus, in «International Archiv for Ethnographie», n. 9, (1896), pp. 55-67. G. Pitrè, Giuochi fanciulleschi siciliani, Palermo, L. Pedone Lauriel, 1883. S. Culin, Mancala, the National Game of Africa, in Avedon Sutton-Smith (eds), 1894, pp. 94-102; Id., American Indian Games, in Avedon Sutton-Smith (eds), (1902), pp. 103-108. A. B. Gomme, The Traditional Games of England, Scotland end Ireland, with Tunes, singing-rhymes, and methods of playing according to the variants existent and recorded in different parts of the Kindom, II voll, London, David Nutt, 1894-1897. R. Firth, A Dart Match in Tikopia, in «Oceania», n. 1, (1930), pp. 64-96. B. Malinowski, Culture, in AA. VV., Encyclopaedia of the Social Sciences, New York, Macmillan, 1931, vol. IV, pp. 621-645 (trad. it. in P. Rossi (a cura di), Il concetto di Cultura, Torino, Einaudi, 1970, pp. 133-192). S. la Sorsa, Come giuocano i fanciulli d’Italia, Napoli, Rispoli, 1937. J. Huizinga, Homo Ludens, Amsterdam, 1939, (trad. it., Homo Ludens, Torino, Einaudi, 1946). M. Griaule, Jeux et divertissements abyssins, Paris, 1935; Id., Jeux dogons, in «Travaux et Mémoires», Institut d’Ethnologie de Paris, n. XXXII, (1938). R. Caillois, Structure et classification des jeux, in «Diogène», n. 12 (1955), pp. 72-88 ; Id., Les jeux et les hommes, Paris, 1958 (trad. it., I Giochi e gli Uomini, la Maschera e la Verigine, Milano, Bompiani, 1981). A. M. Cirese, Un gioco cerimoniale del primo maggio in Sardegna, tentativo di analisi, in «Nuovo Bollettino Bibliografico Sardo», a. V, n. 26 (1960); Id., L’assegnazione collettiva delle sorti e la disponibilità limitata dei beni nel gioco Ozieri e le sue analogie vicino-orientali e balcaniche, in «Atti del Convegno di Studi Religiosi Sardi – Cagliari 24-26 maggio 1962», Padova, Cedam, 1963, pp. 175-194. V. Lanternari, Giochi e divertimenti, in V. Grottanelli, Ethnologica, vol. III, Milano, 1965; Id., Il gioco e il suo valore culturale nelle società umane, in, Antropologia e imperialismo, Torino, Einaudi, 1974, pp. 190-268. G. Bateson, Steps to an Ecology of Mind, San Francisco, Chandler, 1972, (trad. it., Verso un’ecologia della mente, Milano, Adelphi, 1976, pp. 216-235). G. Geertz, The Interpretation of Cultures, New York, Basic Books, 1973, (trad. it., Interpretazioni di culture, Bologna, Il Mulino, 1987 - vedi, Gioco profondo: note sul combattimento dei galli a Bali, pp. 399-449). D. Sabbatucci, Gioco d’azzardo rituale, in «Studi e Materiali di Storia delle Religioni», n. 33, (1964), pp. 23-85. G. Rholfs, L’antico gioco degli astragali, in «Lares», n. 30, (1964), pp. 1-14. A. Wade-Brown, Il gioco e le altre attività infantili, in V. Grottanelli, Una società guineana: gli Nzema, 2 voll., vol. I, Torino, Boringhieri, 1977-78, pp. 321-360. P. de Sanctis Ricciardone, Antropologia del gioco, Napoli, Liguori, 1994. D. Scafoglio, I numeri. Il gioco del lotto a Napoli, Napoli, L’Ancora, 2000. M. Atzori, I giochi dei bambini in una comunità sarda, in «Uomo & Cultura», IV, (1971), pp. 165-211; Id., Giochi infantili a Capoterra, in «B. R. A. D. S.», n. 3, (1968-71), pp. 73-86.